giovedì 28 aprile 2011

Giuseppe B., From POSH




Talking with Giuseppe..
THE APPETIZER: ABOUT FASHION.

- Dove e quando nasce la passione per la Moda?

Tutto nasce in giovane età, in televisione guardavo sempre le sfilate e i reportage dei tg sulle ultime tendenze; intorno ai 9 anni confezionai un pantalone con un lenzuolo colorato, quello fu l'inizio. Negli anni 80, in Italia nasceva il movimento dei Paninari ed io mi ero già lanciato nel vortice stilistico acquistando con molti sacrifici i primi pezzi di Jean Paul Gaultier, ma è solo il 1990 quando venni a conoscenza di una stilista inglese che mi avrebbe sconvolto da testa a piedi, inutile dire che mi sono lanciato a capofitto in quel mondo, che ora, dopo 21 anni, è parte della mia personalità.

-Where and when the passion for Fashion is born?

Everything starts at a young age, I always looked at fashion shows and news on the latest trends on television and then when I was 9 years I created a pair of pants with a colored cloth, that was the beginning. In the 80's, the movement of Paninari was born in Italy and I had already launched into the vortex of the style and I bought the first pieces of Jean Paul Gaultier with many sacrifices, but it is only 1990 when I met a British designer who has upset me from head to foot, from the moment I launched headlong into that world, that now, after 21 years, is part of my personality.


 





THE FIRST COURSE: PERSONAL STYLE.

- Il tuo stile rivela tocchi punk fino al tartan rivisitato che sconvolge lo stile british, tutto in onore di Vivienne Westwood.. cosa ci racconti di te e di lei?

Uno dei primi stili che sento a pelle è sicuramente il punk, il fattore che in primis mi spinge a questo look è dovuto anche al pensiero che esso esprime: una specie di rifiuto per tutto ciò che è conformista,ortodosso e statico. Per natura sono sempre stato un individuo controcorrente e devo ammettere che lo stile di Vivienne Westwood mi calza a pennello, non solo per l'estetica ma anche per il pensiero; nonostante abbia archiviato l'esperienza punk (eccetto per qualche accento in diverse collezioni,ad esempio l'impiego del tessuto tartan, per creare modelli trasgressivi e innovativi).
Una delle molteplici caratteristiche di VW è quella di essere stata in grado di fare un viaggio a ritroso nella storia del costume, creando dei modelli identici e in alcuni casi, vedi il bustino settecentesco, migliorandone le funzionalità, tutto ciò per sintetizzare il suo stile unico,un mix di punk e vittoriano!

-Your style exhibits a touch of punk till the tartan revisited that upsets the British style, all in honor of Vivienne Westwood .. What you tell us about you and her?

One of the first styles that I feel my skin is definitely the punk, the factor that leads me to this look is also due to the thought that it expresses a sort of rejection of everything that is conformist, orthodox and static. By nature I have always been a person who bucks the trend and I must admit that the style of Vivienne Westwood fits perfectly my idea of fashion, not only for aesthetics but also for thought, despite having filed the punk experience (except for some emphasis in different collections, such as the use of tartan fabric, to create unconventional and innovative models).
One of the many features of VW is that she was able to make a journey back in the history of fashion, creating patterns of identical and in some cases, see the eighteenth-century corset, improving its functionality, to synthesize all that his unique style , a mix of Victorian and punk!






Giuseppe e Vivienne Westwood


THE SECOND COURSE: PUBLICATIONS.

- Quali sono le recenti pubblicazioni su riviste e online magazine che raccontano il tuo lato esteriore?

Posh è una fantastica vetrina sulla Moda e su Torino, quindi è facile pensare che con il mio look sono spesso al centro di occhi indiscreti.  Parecchi fotografi si sono spesso proposti per servizi, sulla rivista ABOUT qualche anno fà usci un servizio sul mio stile influenzato da tutto ciò che è inglese, un paio di servizi sono usciti su riviste on line, UCE magazine ne ha pubblicato uno dove un fotografo di Parigi mi immortalava direttamente in casa mia, prova ad immaginarla....in perfetto stile westwoodiano!
 Sempre casa mia è stata scenario di uno shooting per MOH MAGAZINE, rivista sulla moda milanese.

- What are the recent publications in magazines and online magazines that tell your side of the exterior?

Posh is a fantastic showcase for the Fashion and Turin, so it's easy to think that with my look is often the subject of prying eyes. Several photographers have often been proposed for services, on magazine ABOUT few years ago came out a service on my style influenced by everything that is English, a couple of services have gone up online journals, the UCE magazine has published a service where a Parisian photographer immortalized me directly in my house, try to imagine it in...  westwood style!
Also my house was the scene of a shooting for MOH MAGAZINE, the magazine's fashion in Milan.

Moh Magazine, Febbraio 2011:







THE DESSERT: POSH.

- La moda fa parte anche del tuo lavoro, come usi il tuo personale per la scelta dei capi da tenere in negozio?

La mia fortuna stà nell'aver fatto della mia passione il mio lavoro, questo grazie anche ai miei titolari, che hanno visto in me una persona creativa e con potenzialità. Il mio compito è la scelta delle collezioni, per scegliere la prima cosa che utilizzo è il mio istinto,cerco capi che mi entusiasmano immediatamente, credo molto nel colpo di fulmine!
Se penso che un pezzo sia fondamentale penso anche che sia poi più facile trasmetterlo ai clienti, che si fidano di noi.
Allo stesso tempo diventa difficile la scelta dei particolari, una cartella colore ,un tessuto, la foggia di un colletto, il tutto per arrivare ad una collezione di pezzi che tu hai creato con il tuo gusto e che quindi diventa unica!

- Il pezzo che ruberesti adesso da Posh?

Anche se il mio archivio ne vanta parecchi, di cui molti vintage, per ultimo uno del 1988, sicuramente ruberei un kilt, ma non nella tipica tradizione inglese....a buon intenditor!

- Fashion is also part of your job, how you use your personal choice of clothing to hold in store?
 
My fortune lies in having made ​​my passion my work, thanks also to my owners, who saw in me a creative person with potential. My task is the choice of collections, to choose the first thing I use is my instinct, I try to head that immediately excite me, I really believe in love at first sight!
If I think a piece is important, I think also that it is easier then transmit it to customers who trust us.
At the same time it becomes difficult to choose the special folder color, a fabric, the shape of a collar, all leading to a collection of pieces that you created with your taste and then becomes special!

- The piece you'd like to steal from  Posh now?

Although my wardrobe it has many, many vintage, the last one of 1988, certainly'd steal a kilt, but not in typical English tradition .... a good connoisseur!


LA FRASE: NEL DUBBIO, ESAGERA.
THE SENTENCE: IN DOUBT, EXAGGERATE.




Giorgio Prino photographer



Ringrazio Giuseppe per la disponibilità e POSH per la location dello shoot.

POSH, Piazza San Carlo
Via Roma 218
TORINO

5 commenti:

  1. "la vetrina" di questo negozio, per me è come un negozio di altissima pasticceria creativa, dove prendere idee.

    RispondiElimina
  2. Concordo, come un bambino davanti ad un negozio di caramelle! :D
    (Dentro ha delle borse di Bulgari fantastiche...)

    Claudia

    RispondiElimina
  3. Da persona che va assolutamente controcorrente come te, adoro questo servizio! Sei in gamba... :) -Alessandro

    RispondiElimina
  4. What an inspirations!! :D Love your blog & your outfit pulled, simply Chic~ <3 <3 Am following your blog ;) It would be great if you could visit/Follow my blog too! Hugss~

    XoXo

    http://pretzyness.blogspot.com

    RispondiElimina
  5. Thanks so much! I will pass n have a look of yours!! ;)
    Claudia

    RispondiElimina